Passa ai contenuti principali

Tre giorni selvatici


Ci sono libri che anche senza finire di leggerli, anzi quasi senza nemmeno cominciare, ti indicano una direzione, una strada che magari già intravedevi e che fra quelle pagine trova conferma e precisazione.
Per me in questo momento questo libro è "La pratica del selvatico" di Gary Snyder.
Non so se si possa trovare in biblioteca, io l'ho comprato dal solito meraviglioso editore AAM Terra Nuova e ogni pagina che riesco a leggere non fa che farmi sentire orgogliosa di essere riuscita a percepire, forse più nei piedi e nelle mani che negli occhi e nella testa, il peso, la forza e il valore di stare seduta per terra, di stare all'aria aperta, di toccare la rugiada, di respirare l'aria fredda dell'inverno (possibilmente pulita) e di tutto ciò che è selvatico.

Per tentare di trovare una propria risposta alla semplice domanda: "Pensi veramente di essere un animale?" vi invito a partecipare a:

Tre giorni selvatici

Tre giorni nel bosco per salutare l'estate e (ri)scoprire il proprio lato selvatico
 da venerdì 28 a domenica 30 settembre 2012

DOVE: su una collina un po' più alta delle altre sulla linea di crinale che separa il Valdarno dal Chianti, sotto i piedi un prato , sopra la testa il cielo d'estate.
COSA: accampamento nel bosco, serate nel tipì, racconti e canti intorno al falò, passeggiate fuori sentiero, abbraccia-alberi, costruzione acchiappasogni, grigliata, cottura del pane a lievitazione naturale in forno interrato, spaccio pasta madre, gara di torte e dolce far niente.
COME: “Il galateo del mondo selvatico richiede generosità e una specie di rude e allegra capacità di tollerare i disagi con buon umore, di comprendere la fragilità di tutti e una certa umiltà”. - Gary Snyder – La pratica del selvatico Il pernottamento sarà in tenda (ognun* la propria), nel campo predisposto in zona raggiungibile solo a piedi (15 minuti di passo lento).
Le spese di organizzazione sono elencate in modo trasparente qui https://docs.google.com/spreadsheet/ccc?key=0Aq5PiJTGMN-ldFB6Q2owOGY5elU5Y1FqUXhuaGNHMVE e ai partecipanti si chiederà di condividerli sulla base di un'offerta libera.

L'organizzazione del campo (realizzazione latrina, pulizie, mantenimento fuoco, pasti, ecc.) saranno autogestiti. Il pranzo della domenica sarà presso l'azienda agricola biologica Il Poderaccio http://www.agripoderaccio.it/ al costo di Euro 20,00 ogni adulto e 10,00 ogni bambino fino a 12 anni (i bambini fino a tre anni non pagano).

Per la realizzazione del campo è essenziale la presenza di una persona che abbia frequentato e concluso (con relativa attestazione) il corso di pronto soccorso, finché non si troverà l'iniziativa non sarà confermata. Per informazioni e prenotazioni info at circuitocorto.org


Commenti

Post popolari in questo blog

Come conservare la pasta madre

La domanda è legittima: dopo che un povero cristo è stato per giorni e giorni a rimestare uno strano impasto di acqua, farina, miele e mela in attesa di fantomatiche bollicine, ha assistito incredulo ad inaspettate crescite di volume, all'aumentare incontrollato dell'odore acido, al tanto sperato raddoppio del volume in tempi ragionevoli, ha proceduto fiducioso alla legatura a secco e ad acqua come spiegato qui... ha tutti i diritti di chiedersi, e ora? E ora la pasta madre può essere usata tal quale, non prima però di aver messo da parte un pezzettino grande come un pugno che preserverà dalle infernali temperature della cottura quel meraviglioso universo di biodiversità microbica che nella sua infinita generosità ha colonizzato l'impasto del nostro cuore. Io la metto in un barattolo di vetro a tenuta ermetica perché non mi piace che faccia la crosta, e la tengo in frigorifero. C'è chi sostiene che debba “respirare”e che le basse temperature la facciano soffrire. Io c…

Mutamenti

Un anno fa a settembre mi sono accorta che il mio metabolismo stava cambiando, mi sono accorta che non potevo più permettermi di lasciare che il mio amato pane componesse la parte principale dei miei pasti.
Ho fatto una pausa, ho ignorato il forno che non teneva più bene la temperatura, che ogni tanto non si accendeva, la pasta acida che invecchiava senza rinfreschi, il cambiamento del ritmo delle mie settimane.
Oggi penso ancora che il pane sia qualcosa di prezioso, magico e rivoluzionario, oltre che squisito, ma penso anche che i cereali, come lo zucchero, possano dare dipendenza, che il consumo di glutine vada contenuto e che la scelta migliore sia sempre quella di mangiare i cereali in chicchi, il più possibile integri.
Ogni tanto torno a fare il pane, la pizza e meravigliosi dolci ma, soprattutto, per offrirli a donne meravigliose che accompagnano i miei passi sul sentiero della consapevolezza ciclica femminile, fra cui le mie figlie.
Se sei capitata qui ti ringrazio della visita e t…

Autunno? Crauti!

I cavoli cappucci che ho messo nel mio orto (in ritardo, tanto per cambiare) arrancano falcidiati dai bruchi che si strafogano aspettando di diventare delle belle farfalline gialle (cavolaia). Mentre li guardo sconsolata (ma qualcuna l'ho beccata... ha ha) chiedendomi quando e se potrò fare gli agognati crauti, mi telefona Angela: lo vuoi un bel cavolo cappuccio? Vuoi metà di quello grande o uno piccolo? Voglio tutto quello GRANDE!

Lavato, affettato fine, mescolato con pezzettini di pera e mela e semi di finocchio e cosparso di sale appare così:


La ricetta naturalmente l'ho presa dal libro di Michela Trevisan, Il manuale dei cibi fermentati, mettendo circa 30 gr di sale ogni chilo di verdura (a noi le verdure piacciono croccanti) nella ciotola e non a strati nel vaso sennò perdo il controllo delle quantità di sale. Naturalmente sale integrale di Trapani, con i suoi bei batteri lattici di supporto che può avere solo il sale marino (non per nulla gli scandinavi per salare i loro…