Passa ai contenuti principali

Ultimissime

Anche quest'anno l'Associazione Circuito Corto organizza una serie di laboratori di autoproduzione dei regali di Natale e non solo. Il mio laboratorio sul pane dolce a lievitazione naturale è slittato ben oltre le festività... pazienzina, saremo un po' più rilassat* :-)
Ecco comunque il calendario completo. Chi lo vuole ricevere via via la newsletter - che di seguito incollo (ne arriva all'incirca uno al mese da ottobre a dicembre, poi uno ogni tre mesi circa) scriva a info@circuitocorto.org.

Laboratorio candele in cera d'api
Laboratori successivi
Laboratorio su creme solidali e detersivi autoprodotti
 

L'Associazione ha una pagina Facebook!

Commenti

  1. Salve, utilizzo questo spazio,magari non propriamente adatto.
    ho ricevuto in regalo da mio figlio il libro di Annalisa DE LUCA "facciamo il pane"
    dopo una ripetuta lettura ho provato con farine già pronte con il lievito allegato (in polvere)il pane ottenuto era comunque con sapori ed aromi che superavano quello industriale.
    in seguito sempre mio figlio dandomi una parte di pasta acida (biga) ho provato con la procedura descritta appunto nel libro.
    ho fatto un pane di circa un Kg 1,2 con un risultato decisamente molto migliore dei precedenti sia come sapore che lievitazione.
    quindi i miei ringraziamenti ad Annalisa De Luca.
    stamani mattina faccio la seconda esperienza.
    Ciao a Tutti
    Mauro, firenze

    RispondiElimina
  2. Salve, Mauro di nuovo al lavoro, seconda prova con farina sempre di tipo 2 di altra marca rispetto al precedente intervento
    la sola differenza riscontrata,probabilmente risale a due fattori, primo la quantità di farina e stata di 900 grammi,secondo l'impasto e risultato più morbido, provocando un sorta di "scivolamento" nella teglia con un risultato di una forma molto più bassa.
    rimane comunque un sapore e profumo decisamente molto gradevole.
    seguiranno altre esperienze.
    ciao,Mauro firenze

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come conservare la pasta madre

La domanda è legittima: dopo che un povero cristo è stato per giorni e giorni a rimestare uno strano impasto di acqua, farina, miele e mela in attesa di fantomatiche bollicine, ha assistito incredulo ad inaspettate crescite di volume, all'aumentare incontrollato dell'odore acido, al tanto sperato raddoppio del volume in tempi ragionevoli, ha proceduto fiducioso alla legatura a secco e ad acqua come spiegato qui... ha tutti i diritti di chiedersi, e ora? E ora la pasta madre può essere usata tal quale, non prima però di aver messo da parte un pezzettino grande come un pugno che preserverà dalle infernali temperature della cottura quel meraviglioso universo di biodiversità microbica che nella sua infinita generosità ha colonizzato l'impasto del nostro cuore. Io la metto in un barattolo di vetro a tenuta ermetica perché non mi piace che faccia la crosta, e la tengo in frigorifero. C'è chi sostiene che debba “respirare”e che le basse temperature la facciano soffrire. Io c…

Ma si possono mangiare?

Se si possono mangiare, è quello che tutt* mi chiedono quando gli regalo questa meraviglia.

Se non fosse per gli olii essenziali direi di sì, che comunque quelli che uso io sono tutti olii essenziali a scopo alimentare, però bisogna stare attenti, non si sa mai.

Insomma stavolta non si parla di roba che si mangia ma che si si spalma sulla pelle, che poi alla fine è bene che la qualità sia la stessa.

Anni fa feci un lungo ed interessante studio sulla possibilità di farsi in casa i cosmetici. La definizione di dizionario (e credo anche di legge) per cosmetico è: "le sostanze e le preparazioni diverse dai medicamenti destinate ad essere applicate sulla pelle, sui peli o sui capelli, sulle unghie, sulle labbra, sugli organi genitali esterni, oppure sui denti e sulle mucose della bocca allo scopo, esclusivo o prevalente, di pulirli, profumarli, proteggerli, mantenerli in buono stato, modificarne l'aspetto, correggere gli odori corporei". I prodotti cosmetici non hanno finalit…