Passa ai contenuti principali

Notturno toscano

Eppure l'almanacco di AAM Terra Nuova lo diceva: "Oggi la unn'è giornaa pei ppane!", ma io ero in crisi di astinenza, già una volta l'avevo dovuto comprare, non potevo aspettare ancora.
Come se non bastasse non mi sono limitata ad un pane qualunque, mi sono messa a fare alcune delle ricette che ho messo del libro e che non facevo da tanto, giusto per verificare se mi piacciono ancora così o necessitano di modifiche. Il fatto che da qualche settimana le mie riserve di farina si siano esaurite ed abbia dovuto ricorrere ad orribili farine impacchettate chissà quando, nell'attesa che arrivi dall'Abruzzo la meraviglia della farina fatta con grano Solina mi ha forse spinto a cercare il gusto in ingredienti aggiunti.
Ho chiesto a Margherita: "Pane irlandese con latte e farina di mais o pane con olive e capperi?" Naturalmente ha scelto il secondo, io volevo pare il primo, li ho fatti entrambi.
Anche la stagione non aiuta, per fare 500 gr di pasta acida ci è voluta una giornata.

Primo impasto di corsa fra il ritorno dalla piscina, la preparazione della cena e la cena stessa.

300 gr di biga, 300 gr di latte tiepido, 250 gr di farina di mais fioretto e 300 gr di farina di frumento; ci ho messo anche un pezzettino di burro perché mi è venuta la malsana idea di cuocerlo nella forma da pan carré.


Il tutto (meno la farina di frumento) va lasciato almeno una decina di minuti lì a ponzare così la farina di mais comincia ad assorbire il liquido.

Le foto sono tutte piuttosto giallognole perché odio il flash e avendo lavorato la sera non c'era altro modo.

Poi ho aggiunto la farina di frumento, il sale e ho impastato a lungo quanto me lo permettevano le circostanze: "Mamma, ho fame!".


Nel mentre ho preparato anche l'impasto per il pane con le olive: 200 gr di biga, 150 gr acqua tiepida, 4 cucchiai d'olio, sale e la farina che prende. Ho scordato di fare la foto all'impasto, pazienzina.

Durante la cena ho snocciolato e tagliato a pezzettini le olive (quelle che sono riuscita a sottrarre alle fauci di Margherita) e i capperi.



Dopo cena l'impasto di mais era così, quell'altro me lo sono scordato di nuovo ma c'era da muoversi e correre a guardare insieme Alice nel Paese delle Meraviglie!


Non è gran ché come lievitazione, vero? Ma l'almanacco l'aveva detto...

Comunque schiaccio

ripiego


e allungo lavorando come si lavorano gli gnocchi


poi metto nella forma da pan carré e chiudo, good night!


Ora a te ti fotografo, dovessi crollare addormentata sul pavimento (che in effetti manca poco). Stendo, farcisco e riavvolgo.



Lascio lì e vado a guardare Alice, poi torno ma poco è cambiato. Decido di aspettare un'altra ora, nel frattempo dormo. Mi risveglio chiamata dal campanello della cucina, accendo il forno e inforno, come viene viene, erano così:



Un'ora di cottura, e finalmente a letto. Stamattina sono così


La spaccatura sopra quello di mais non mi preoccupa, basse presenze di glutine e uso della forma lo fanno. Quello alle oliva sembra perfetto e invece:


Ma sono squisiti entrambi. Il pane alle olive l'ho usato per spargerci sopra l'ultimo olio dell'anno scorso, che fra un po' si comincia a raccogliere per l'olio nuovo. Quello di mais è risultato strepitoso con guarnizione di marmellata di more. Gnam!


Commenti

Post popolari in questo blog

Come conservare la pasta madre

La domanda è legittima: dopo che un povero cristo è stato per giorni e giorni a rimestare uno strano impasto di acqua, farina, miele e mela in attesa di fantomatiche bollicine, ha assistito incredulo ad inaspettate crescite di volume, all'aumentare incontrollato dell'odore acido, al tanto sperato raddoppio del volume in tempi ragionevoli, ha proceduto fiducioso alla legatura a secco e ad acqua come spiegato qui... ha tutti i diritti di chiedersi, e ora? E ora la pasta madre può essere usata tal quale, non prima però di aver messo da parte un pezzettino grande come un pugno che preserverà dalle infernali temperature della cottura quel meraviglioso universo di biodiversità microbica che nella sua infinita generosità ha colonizzato l'impasto del nostro cuore. Io la metto in un barattolo di vetro a tenuta ermetica perché non mi piace che faccia la crosta, e la tengo in frigorifero. C'è chi sostiene che debba “respirare”e che le basse temperature la facciano soffrire. Io c…

Mutamenti

Un anno fa a settembre mi sono accorta che il mio metabolismo stava cambiando, mi sono accorta che non potevo più permettermi di lasciare che il mio amato pane componesse la parte principale dei miei pasti.
Ho fatto una pausa, ho ignorato il forno che non teneva più bene la temperatura, che ogni tanto non si accendeva, la pasta acida che invecchiava senza rinfreschi, il cambiamento del ritmo delle mie settimane.
Oggi penso ancora che il pane sia qualcosa di prezioso, magico e rivoluzionario, oltre che squisito, ma penso anche che i cereali, come lo zucchero, possano dare dipendenza, che il consumo di glutine vada contenuto e che la scelta migliore sia sempre quella di mangiare i cereali in chicchi, il più possibile integri.
Ogni tanto torno a fare il pane, la pizza e meravigliosi dolci ma, soprattutto, per offrirli a donne meravigliose che accompagnano i miei passi sul sentiero della consapevolezza ciclica femminile, fra cui le mie figlie.
Se sei capitata qui ti ringrazio della visita e t…

Autunno? Crauti!

I cavoli cappucci che ho messo nel mio orto (in ritardo, tanto per cambiare) arrancano falcidiati dai bruchi che si strafogano aspettando di diventare delle belle farfalline gialle (cavolaia). Mentre li guardo sconsolata (ma qualcuna l'ho beccata... ha ha) chiedendomi quando e se potrò fare gli agognati crauti, mi telefona Angela: lo vuoi un bel cavolo cappuccio? Vuoi metà di quello grande o uno piccolo? Voglio tutto quello GRANDE!

Lavato, affettato fine, mescolato con pezzettini di pera e mela e semi di finocchio e cosparso di sale appare così:


La ricetta naturalmente l'ho presa dal libro di Michela Trevisan, Il manuale dei cibi fermentati, mettendo circa 30 gr di sale ogni chilo di verdura (a noi le verdure piacciono croccanti) nella ciotola e non a strati nel vaso sennò perdo il controllo delle quantità di sale. Naturalmente sale integrale di Trapani, con i suoi bei batteri lattici di supporto che può avere solo il sale marino (non per nulla gli scandinavi per salare i loro…