Passa ai contenuti principali

Ketchup!

C'entra, c'entra, quando nelle tue due bambine, sfinite dalle tue sperimentazioni fermentative, vedi brillare gli occhi al solo accennare alle patatine fritte e vedi tuo marito allungare una mano inarrestabile verso il barattolo del ketchup capisci che una nuova sfida ti attende.
Ho avuto la fortuna di trovare due ottimi alleati: Elisabetta (sue le foto, la pazienza, l'occhio allenato all'utilizzo della salsa e il marito dell'Ohio) e Jamie Oliver, autore di "La mia cucina naturale". La ricetta era naturalmente prevista per tempi estivi, in cui c'è ampia disponibilità di ottimi pomodori freschi, ma noi ne abbiamo costruito una valida alternativa invernale di cui io personalmente sono piuttosto orgogliosa.
Innanzitutto sterilizzare i barattoli, oltre a quella utilizzata lì per lì (8 adulti e 6 bambini famelici ne hanno fatto strage) ne vengono circa 3 kg.
Ingredienti: 5 cipolle rosse pelate, 3 finocchi mondati, 5 gambi di sedano mondati (tutto tritato grossolanamente), olio d'oliva, 4 pezzi di zenzero grandi quanto un pollice grattugiati con apposito strumento (la parte più fibrosa l'ho buttata subito), 10 spicchi d'aglio pelati e affettati (aglio rosso di Sulmona, non so se mi spiego), 4 cucchiai di semi di coriandolo, 10 chiodi di garofano, 3 cucchiaini di pepe nero macinato, sale marino, 3 scatole di pelati e 3 scatole di pomodorini, 3 bottiglie di conserva, un litro di aceto di vino rosso e 350 gr di zucchero di canna.
La ricetta originale prevedeva peperoncino rosso fresco, basilico e pomodori freschi (tanti quanti quelli conservati), impossibile in dicembre, ci abbiamo rinunciato senza troppi rimpianti.

Le quantità sono ingenti e anche le nostre pentole più grandi non erano in grado di contenere tutto insieme quindi ce la siamo giocata con due iniziando a far cuocere in una tutte le verdure e le spezie con olio abbondante.



Poi abbiamo aggiunto i pelati e i pomodorini in scatola e 1,750 ml d'acqua. Quando il tutto ha cominciato a ridursi abbiamo preso parte del profumatissimo intruglio, l'abbiamo passato in altra pentola e aggiunto un po' di qua e un po' di là la passata.



 La cottura è continuata fino a che non ci è sembrato venuto il momento di frullare. Prima abbiamo levato i chiodi di garofano perché ci sembrava si sentissero troppo. Una volta frullato abbiamo passato il tutto con un setaccio e ancora una pentola non bastava.
Abbiamo aggiunto l'aceto in cui avevamo fatto sciogliere lo zucchero e la cottura è continuata travasando fra una pentola e l'altra fino a notte inoltrata... scherzo ;-), abbiamo cominciato alle 16 e la cottura è finita circa alle 21,30.
Bolli e ribolli alla fine è rientrato tutto in una pentola.


Forse si poteva mettere un po' meno aceto e alla fine abbiamo aggiunto 3 cucchiai di zucchero. Il giorno dopo è una roba strepitosa, e a me il ketchup non piace!

Commenti

  1. Mi piace un sacco!! La provo subito! Anch'io ho dei ragazzi in famiglia ... due ... tre con il mio compagno! e non sai le lotte per fargli capire che il ketchup in commercio è cibo del "diavolo" per la salute!!
    Giovanna

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come conservare la pasta madre

La domanda è legittima: dopo che un povero cristo è stato per giorni e giorni a rimestare uno strano impasto di acqua, farina, miele e mela in attesa di fantomatiche bollicine, ha assistito incredulo ad inaspettate crescite di volume, all'aumentare incontrollato dell'odore acido, al tanto sperato raddoppio del volume in tempi ragionevoli, ha proceduto fiducioso alla legatura a secco e ad acqua come spiegato qui... ha tutti i diritti di chiedersi, e ora? E ora la pasta madre può essere usata tal quale, non prima però di aver messo da parte un pezzettino grande come un pugno che preserverà dalle infernali temperature della cottura quel meraviglioso universo di biodiversità microbica che nella sua infinita generosità ha colonizzato l'impasto del nostro cuore. Io la metto in un barattolo di vetro a tenuta ermetica perché non mi piace che faccia la crosta, e la tengo in frigorifero. C'è chi sostiene che debba “respirare”e che le basse temperature la facciano soffrire. Io c…

Ultimissime

Anche quest'anno l'Associazione Circuito Corto organizza una serie di laboratori di autoproduzione dei regali di Natale e non solo. Il mio laboratorio sul pane dolce a lievitazione naturale è slittato ben oltre le festività... pazienzina, saremo un po' più rilassat* :-) Ecco comunque il calendario completo. Chi lo vuole ricevere via via la newsletter - che di seguito incollo (ne arriva all'incirca uno al mese da ottobre a dicembre, poi uno ogni tre mesi circa) scriva a info@circuitocorto.org.
Laboratorio candele in cera d'apiSABATO 10 DICEMBRE DALLE ORE 11 ALLE 17
presso la Sede Gaos - via Petrarca 172 - Incisa Valdarno Una delle meraviglie della serie di laboratori di autoproduzione del Circuito Corto, una forma di meditazione creativa, un'esperienza che non ha pari e che coinvolge i cinque sensi in un vortice di calore, morbidezza, profumi e bellezza. E' importante essere presenti dall'inizio per organizzare il lavoro. Il pranzo è condiviso. Costo euro …

Ma si possono mangiare?

Se si possono mangiare, è quello che tutt* mi chiedono quando gli regalo questa meraviglia.

Se non fosse per gli olii essenziali direi di sì, che comunque quelli che uso io sono tutti olii essenziali a scopo alimentare, però bisogna stare attenti, non si sa mai.

Insomma stavolta non si parla di roba che si mangia ma che si si spalma sulla pelle, che poi alla fine è bene che la qualità sia la stessa.

Anni fa feci un lungo ed interessante studio sulla possibilità di farsi in casa i cosmetici. La definizione di dizionario (e credo anche di legge) per cosmetico è: "le sostanze e le preparazioni diverse dai medicamenti destinate ad essere applicate sulla pelle, sui peli o sui capelli, sulle unghie, sulle labbra, sugli organi genitali esterni, oppure sui denti e sulle mucose della bocca allo scopo, esclusivo o prevalente, di pulirli, profumarli, proteggerli, mantenerli in buono stato, modificarne l'aspetto, correggere gli odori corporei". I prodotti cosmetici non hanno finalit…