raccolto autunnale

raccolto autunnale

martedì 13 marzo 2012

pane in cassetta giallino

Ogni tanto tornano alla carica: "Oh mamma, ma un pane un po' bianco e magari anche morbido proprio non si può avere?"
Di lievito di birra non se ne parla, quindi ridurre la crosta è difficile.
Ma forse un po' più morbido sì, e allora che pan carré sia!
Primo impasto (biga) come al solito (vedi pane normale) poi 500 ml di latte tiepido... no, proprio bianco non ce la faccio, viriamo sul giallo: aggiungo per prima 300 gr di farina di mais fioretto insieme a 2 cucchiaini di sale integrale.
Lascio il tutto riposare una mezz'ora perché la farina di mais abbia il tempo di cominciare ad assorbire il liquido; poi aggiungo un po' di farina bianca e comincio a lavorare sul piano fino a sentire che il glutine si forma e comincia a tenere insieme il tutto.
Come tutti gli impasti che vedono una consistenze presenza di farine non glutinose, c'è bisogno di una lavorazione un po' più prolungata quindi attenzione a non esagerare con la farina.
Lascio riposare un'oretta poi faccio una bella forma allungata e metto nell'apposito stampo dotato di coperchio a scorrere. Una volta che il volume sarà raddoppiato chiudo il coperchio inforno a 190° per circa 30 minuti.
Così era, per i pochi che hanno potuto goderne la compagnia. Durò due giorni, lo volevano bianco e morbido...


2 commenti:

  1. Che bello un pane a cassetta senza ingredienti del "diavolo"!! Spero di riuscire a farlo!! Sono ancora alle prime armi.

    RispondiElimina
  2. Ciao Annalisa,
    Innanzitutto piacere di conoscerti e grazie! Sono una tua nuova lettrice, prima di libro e poi di blog, nonché nuovissima panificatrice (aspirante tale).
    Preparo con successo il tuo pane normale (grazie ancora!), per ora utilizzando farine zero e di grano tenero integrale, e volendomi cimentare con una diversa farina, non glutinosa, ho deciso di preparare il tuo pane in cassetta giallino. Devo dire che il risultato non mi ha deluso del tutto, è lievitato bene, l'alveolatura e l'altezza sono simili alle tue, ma la mollica è rimasta un po' umida (benché cotta e di sapore ottimo) e il peso specifico del pane è altissimo! Ho anche dovuto cuocerlo più della mezz'ora indicata da te.
    Che cosa ho sbagliato secondo te? Impasto troppo umido? Ho aggiunto troppo poca farina bianca durante la lavorazione? Ho lavorato troppo o troppo poco?
    Grazie mille dei tuoi consigli.
    A presto,
    Elena

    RispondiElimina