Passa ai contenuti principali

pane in cassetta giallino

Ogni tanto tornano alla carica: "Oh mamma, ma un pane un po' bianco e magari anche morbido proprio non si può avere?"
Di lievito di birra non se ne parla, quindi ridurre la crosta è difficile.
Ma forse un po' più morbido sì, e allora che pan carré sia!
Primo impasto (biga) come al solito (vedi pane normale) poi 500 ml di latte tiepido... no, proprio bianco non ce la faccio, viriamo sul giallo: aggiungo per prima 300 gr di farina di mais fioretto insieme a 2 cucchiaini di sale integrale.
Lascio il tutto riposare una mezz'ora perché la farina di mais abbia il tempo di cominciare ad assorbire il liquido; poi aggiungo un po' di farina bianca e comincio a lavorare sul piano fino a sentire che il glutine si forma e comincia a tenere insieme il tutto.
Come tutti gli impasti che vedono una consistenze presenza di farine non glutinose, c'è bisogno di una lavorazione un po' più prolungata quindi attenzione a non esagerare con la farina.
Lascio riposare un'oretta poi faccio una bella forma allungata e metto nell'apposito stampo dotato di coperchio a scorrere. Una volta che il volume sarà raddoppiato chiudo il coperchio inforno a 190° per circa 30 minuti.
Così era, per i pochi che hanno potuto goderne la compagnia. Durò due giorni, lo volevano bianco e morbido...


Commenti

  1. Che bello un pane a cassetta senza ingredienti del "diavolo"!! Spero di riuscire a farlo!! Sono ancora alle prime armi.

    RispondiElimina
  2. Ciao Annalisa,
    Innanzitutto piacere di conoscerti e grazie! Sono una tua nuova lettrice, prima di libro e poi di blog, nonché nuovissima panificatrice (aspirante tale).
    Preparo con successo il tuo pane normale (grazie ancora!), per ora utilizzando farine zero e di grano tenero integrale, e volendomi cimentare con una diversa farina, non glutinosa, ho deciso di preparare il tuo pane in cassetta giallino. Devo dire che il risultato non mi ha deluso del tutto, è lievitato bene, l'alveolatura e l'altezza sono simili alle tue, ma la mollica è rimasta un po' umida (benché cotta e di sapore ottimo) e il peso specifico del pane è altissimo! Ho anche dovuto cuocerlo più della mezz'ora indicata da te.
    Che cosa ho sbagliato secondo te? Impasto troppo umido? Ho aggiunto troppo poca farina bianca durante la lavorazione? Ho lavorato troppo o troppo poco?
    Grazie mille dei tuoi consigli.
    A presto,
    Elena

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come conservare la pasta madre

La domanda è legittima: dopo che un povero cristo è stato per giorni e giorni a rimestare uno strano impasto di acqua, farina, miele e mela in attesa di fantomatiche bollicine, ha assistito incredulo ad inaspettate crescite di volume, all'aumentare incontrollato dell'odore acido, al tanto sperato raddoppio del volume in tempi ragionevoli, ha proceduto fiducioso alla legatura a secco e ad acqua come spiegato qui... ha tutti i diritti di chiedersi, e ora? E ora la pasta madre può essere usata tal quale, non prima però di aver messo da parte un pezzettino grande come un pugno che preserverà dalle infernali temperature della cottura quel meraviglioso universo di biodiversità microbica che nella sua infinita generosità ha colonizzato l'impasto del nostro cuore. Io la metto in un barattolo di vetro a tenuta ermetica perché non mi piace che faccia la crosta, e la tengo in frigorifero. C'è chi sostiene che debba “respirare”e che le basse temperature la facciano soffrire. Io c…

Ultimissime

Anche quest'anno l'Associazione Circuito Corto organizza una serie di laboratori di autoproduzione dei regali di Natale e non solo. Il mio laboratorio sul pane dolce a lievitazione naturale è slittato ben oltre le festività... pazienzina, saremo un po' più rilassat* :-) Ecco comunque il calendario completo. Chi lo vuole ricevere via via la newsletter - che di seguito incollo (ne arriva all'incirca uno al mese da ottobre a dicembre, poi uno ogni tre mesi circa) scriva a info@circuitocorto.org.
Laboratorio candele in cera d'apiSABATO 10 DICEMBRE DALLE ORE 11 ALLE 17
presso la Sede Gaos - via Petrarca 172 - Incisa Valdarno Una delle meraviglie della serie di laboratori di autoproduzione del Circuito Corto, una forma di meditazione creativa, un'esperienza che non ha pari e che coinvolge i cinque sensi in un vortice di calore, morbidezza, profumi e bellezza. E' importante essere presenti dall'inizio per organizzare il lavoro. Il pranzo è condiviso. Costo euro …

Ma si possono mangiare?

Se si possono mangiare, è quello che tutt* mi chiedono quando gli regalo questa meraviglia.

Se non fosse per gli olii essenziali direi di sì, che comunque quelli che uso io sono tutti olii essenziali a scopo alimentare, però bisogna stare attenti, non si sa mai.

Insomma stavolta non si parla di roba che si mangia ma che si si spalma sulla pelle, che poi alla fine è bene che la qualità sia la stessa.

Anni fa feci un lungo ed interessante studio sulla possibilità di farsi in casa i cosmetici. La definizione di dizionario (e credo anche di legge) per cosmetico è: "le sostanze e le preparazioni diverse dai medicamenti destinate ad essere applicate sulla pelle, sui peli o sui capelli, sulle unghie, sulle labbra, sugli organi genitali esterni, oppure sui denti e sulle mucose della bocca allo scopo, esclusivo o prevalente, di pulirli, profumarli, proteggerli, mantenerli in buono stato, modificarne l'aspetto, correggere gli odori corporei". I prodotti cosmetici non hanno finalit…