raccolto autunnale

raccolto autunnale

lunedì 21 maggio 2012

Prossimi spacci

Il mio prossimo spaccio di pasta madre sarà nel corso di Terra Futura (http://www.terrafutura.it) e sarà anche qualcosa di più di uno spaccio, visto che vedrà la presenza, oltre a me, di Dafne Chanaz, fondatrice della Confraternita dei panificatori urbani (http://www.casadelcibo.org/).
Il workshop comincerà alle 10 di venerdì 25 maggio e il programma prevede:
- una breve descrizione di cos'è la pasta madre e perché vale la pena usarla per fare il pane e tutti gli altri impasti lievitati;
- una dimostrazione di lavorazione delle diverse fasi di preparazione del pane;
- l'immancabile assaggio;
- ampissimo spazio lasciato alle domande, al racconto e alla condivisioni di dubbi, entusiasmi, perplessità e quant'altro si muova nel cuore delle/dei partecipanti riguardo alla pasta madre e alle fermentazioni spontanee e non;
- spaccio di pasta madre.

La presenza di due persone che pur stimandosi enormemente mantengono interessanti divergenze su alcuni aspetti delle modalità di uso della pasta madre vorrà dare il senso della molteplicità di possibilità che può aprire l'affacciarsi allo straordinario mondo delle fermentazioni spontanee che fa della biodiversità il senso più integro ed originale del proprio essere.

Sabato partirò per La Spezia dove andrò per l'Associazione Circuito Corto a portare i racconti nel tipì al Paleofestival (http://www.paleofestival.it). Chi abitasse in zona e avesse voglia di mescolare con me le proprie conoscenze sulla pasta madre o riceverne un pezzettino mi contatti all'indirizzo alisadl at libero.it.

Sto programmando ben altri giri per la Toscana e non solo, entro breve pubblicherò tutte le date della tourné estiva, ottima occasione di spaccio itinerante e di condivisione di esperienza ed emozioni.

Per chiudere una meraviglia del solito Gary Snyder, La pratica del selvatico che mi sembra descrivere perfettamente il modo migliore di avvicinarsi alla pasta madre, la regina delle fermentazioni spontanee (e quindi selvatiche per definizione): "Il galateo del mondo selvatico non richiede solo generosità ma una specie di rude e allegra capacità di tollerare i disagi con buon umore e di comprendere la fragilità di tutti e una certa umiltà".

A presto.


Nessun commento:

Posta un commento