Passa ai contenuti principali

il pane a lievitazione naturale - fotosequenza

Nel libro non l'ho potuta mettere, aggiungere foto avrebbe fatto lievitare i costi. E' rimasto qualche refuso, nelle riedizioni piano piano spariranno.
Ma qui finalmente posso andare oltre le funamboliche descrizioni a parole e mostrare nudo e crudo (e poi cotto) il pane a lievitazione naturale come lo faccio io.
Specifico che siamo a primavera, ora che finalmente pubblico queste foto molto più del giorno che le ho fatte (12 aprile). Al tempo le condizioni metereologiche non erano molto accordate con il calendario. Oggi comunque piove, altrimenti sarei sul Tirreno a veleggiare.
Comunque, fiduciosa nella forza e vitalità dei miei amati batteri mi affido ad uno solo dei due rinfreschi che consiglio per la preparazione. La mia pasta acida è molto vivace e attiva e devo dire che l'ho portata avanti tutto l'inverno senza i due rinfreschi ma nel libro li ho messi perché ho l'impressione che possa capitare di ritrovarsi con paste acide piuttosto spompate.
Cominciamo aggiungendo acqua tiepida alla nostra adorata pasta acida.


Dopo una decina di minuti travasiamo in una ciotola più grande ed aggiungiamo la farina, in questo caso farina di grano Solina dell'Abruzzo arrivatami tramite acquisto intergas di un pacchetto di prodotti a sostegno dei produttori abruzzesi che hanno subito danni dal terremoto.



Non deve essere molto duro, non c'è bisogno di impastarlo con le mani sulla spianatoia, basta renderlo omogeneo con il cucchiaio. Lo abbandono e vado a lavorare, se ne riparla oggi pomeriggio quando torno a casa.
Ed ecco come mi accoglie intorno alle 17


Evidentemente in mia assenza è cresciuta al suo massimo e ha anche cominciato a riscendere, altrimenti sarebbe più gonfia; sarebbe stato meglio ricominciare prima, per limitare il sapore acido, ma pazienzina.

Aggiungo 500 ml d'acqua tiepida



Lascio 15 minuti e poi aggiungo la farina e mescolo fino a tornare ad una consistenza un po' maggiore di quella iniziale


Prendo un pezzettino per la prossima volta e aggiungo il sale



Quando non riesco più a mescolare col cucchiaio butto il tutto sulla spianatoia infarinata



Notare la mia amata spatola... serve perché sulla spianatoia non resti nulla dell'impasto. Il grano e la farina sono un dono del cielo, nulla deve andare sprecato.

Ed ecco l'impasto quando mi sono stufata di impastare. Può essere anche più regolare come aspetto, soprattutto se fatto con la farina bianca. Ora aspettiamo un'oretta, sono le 18,30 circa, sì, me la sono presa un po' comoda fra una fase e l'altra. O meglio ho avuto un po' di interruzioni qua e la ma la pasta mi vuole bene e aspetta paziente, tanto ora tocca a me aspettare.



Dopo un'oretta era così, placido e tranquillo, ignaro del proprio destino



schiacciato per bene a mani aperte


piegato in tre


ripiegato



sottosopra e sulla placca infarinata ad aspettare ancora un po'



a mezzanotte ci siamo, l'ora e' giunta! In forno!



Ed ecco la meraviglia dopo 40 minuti di cottura a 190-200°



Si vede una lieve spaccatura laterale sulla sinistra. Si poteva aspettare ancora una mezz'ora ma avevo sonno. Comunque era buonissimo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Come conservare la pasta madre

La domanda è legittima: dopo che un povero cristo è stato per giorni e giorni a rimestare uno strano impasto di acqua, farina, miele e mela in attesa di fantomatiche bollicine, ha assistito incredulo ad inaspettate crescite di volume, all'aumentare incontrollato dell'odore acido, al tanto sperato raddoppio del volume in tempi ragionevoli, ha proceduto fiducioso alla legatura a secco e ad acqua come spiegato qui... ha tutti i diritti di chiedersi, e ora? E ora la pasta madre può essere usata tal quale, non prima però di aver messo da parte un pezzettino grande come un pugno che preserverà dalle infernali temperature della cottura quel meraviglioso universo di biodiversità microbica che nella sua infinita generosità ha colonizzato l'impasto del nostro cuore. Io la metto in un barattolo di vetro a tenuta ermetica perché non mi piace che faccia la crosta, e la tengo in frigorifero. C'è chi sostiene che debba “respirare”e che le basse temperature la facciano soffrire. Io c…

Mutamenti

Un anno fa a settembre mi sono accorta che il mio metabolismo stava cambiando, mi sono accorta che non potevo più permettermi di lasciare che il mio amato pane componesse la parte principale dei miei pasti.
Ho fatto una pausa, ho ignorato il forno che non teneva più bene la temperatura, che ogni tanto non si accendeva, la pasta acida che invecchiava senza rinfreschi, il cambiamento del ritmo delle mie settimane.
Oggi penso ancora che il pane sia qualcosa di prezioso, magico e rivoluzionario, oltre che squisito, ma penso anche che i cereali, come lo zucchero, possano dare dipendenza, che il consumo di glutine vada contenuto e che la scelta migliore sia sempre quella di mangiare i cereali in chicchi, il più possibile integri.
Ogni tanto torno a fare il pane, la pizza e meravigliosi dolci ma, soprattutto, per offrirli a donne meravigliose che accompagnano i miei passi sul sentiero della consapevolezza ciclica femminile, fra cui le mie figlie.
Se sei capitata qui ti ringrazio della visita e t…

Autunno? Crauti!

I cavoli cappucci che ho messo nel mio orto (in ritardo, tanto per cambiare) arrancano falcidiati dai bruchi che si strafogano aspettando di diventare delle belle farfalline gialle (cavolaia). Mentre li guardo sconsolata (ma qualcuna l'ho beccata... ha ha) chiedendomi quando e se potrò fare gli agognati crauti, mi telefona Angela: lo vuoi un bel cavolo cappuccio? Vuoi metà di quello grande o uno piccolo? Voglio tutto quello GRANDE!

Lavato, affettato fine, mescolato con pezzettini di pera e mela e semi di finocchio e cosparso di sale appare così:


La ricetta naturalmente l'ho presa dal libro di Michela Trevisan, Il manuale dei cibi fermentati, mettendo circa 30 gr di sale ogni chilo di verdura (a noi le verdure piacciono croccanti) nella ciotola e non a strati nel vaso sennò perdo il controllo delle quantità di sale. Naturalmente sale integrale di Trapani, con i suoi bei batteri lattici di supporto che può avere solo il sale marino (non per nulla gli scandinavi per salare i loro…