Passa ai contenuti principali

un mondo in fermento

Eccomi qui finalmente! Tutti quelli che hanno avuto almeno un'esperienza con le fermentazioni condivideranno che...Questo blog aperto da Annalisa non poteva avere un nome più azzeccato!

Sono una biologa e come tale sono travolta ed affascinata da tutte le forme di vita presenti sulla Terra...anzi, per meglio dire...sono affascinata ed appassionata da come la vita evolve e di come si mantiene. Sono affascinata da come in ogni momento, la vita per mantenersi riesce a trovare un nuovo compromesso ed un nuovo equilibrio.

E le tecniche di fermentazione trovo che siano uno degli esempi eclatanti di equilibrio tra l'uomo e la natura.

Vediamo perché...

Quando utilizziamo la pasta madre, quando mettiamo i crauti a fermentare, quando mettiamo le olive o le verdure in salamoia, troviamo un equilibrio con la natura, con il nostro ambiente, giochiamo d'astuzia!

Questo gioco d'astuzia è nato molti secoli fa, quando i frigoriferi non esistevano, dall'esigenza di poter conservare a lungo gli alimenti soprattutto durante l'inverno.

Sappiamo che se non mangiamo un alimento in tempo prima o poi “va' a male”, ovvero al posto che da noi verrà mangiato da batteri e funghi presenti nell'aria. Gli alimenti fermentano, fanno la muffa!

Nella conservazione dei vegetali, ma anche delle carni (salame, prosciutto, pesci, ecc.) l'astuzia è quella di “addomesticare” i microrganismi ambientali, creare un ambiente in cui sopravvivano meglio i microrganismi (solitamente i lattobacilli, per capirci quelli dello yogurt) che arricchiscono gli alimenti senza deteriorarli. Se questi microrganismi stanno bene, si riproducono e occupano tutto lo spazio non ne rimarrà a disposizione per i microrganismi della muffa e della putrefazione!

In questo modo avremo alimenti più saporiti, più nutrienti, a bassissimo impatto ambientale (pensate quanto consuma la conservazione in congelatore!), ricchi di fermenti lattici indispensabili per il corretto equilibrio intestinale e immunitario.

La strada per avere alimenti conservabili senza rischi, non è solo quella industriale di utilizzare conservanti e disinfettanti, ma anche quella più antica e più ricca del sapiente utilizzo della natura!

Commenti

  1. Già... che fascino ha l'evoluzione delle forme viventi... "come in ogni momento, la vita per mantenersi riesce a trovare un nuovo compromesso ed un nuovo equilibrio". Anche noi facciamo parte di questa evoluzione e cerchiamo di mantenere noi e il nostro strano mondo in un'equilibrio....mai definitivo ma sempre in divenire!! Mi piace pensare che quando gioco con la mia pasta madre o con crauti e verdure fermentate dò il mio contributo perchè questa evoluzione vada nella direzione di un rapporto armonioso tra le diverse forme di vita! In fondo sia noi che i microrganismi che fermentano i nostri alimenti siamo solo differenti forme della stessa Vita!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come conservare la pasta madre

La domanda è legittima: dopo che un povero cristo è stato per giorni e giorni a rimestare uno strano impasto di acqua, farina, miele e mela in attesa di fantomatiche bollicine, ha assistito incredulo ad inaspettate crescite di volume, all'aumentare incontrollato dell'odore acido, al tanto sperato raddoppio del volume in tempi ragionevoli, ha proceduto fiducioso alla legatura a secco e ad acqua come spiegato qui... ha tutti i diritti di chiedersi, e ora? E ora la pasta madre può essere usata tal quale, non prima però di aver messo da parte un pezzettino grande come un pugno che preserverà dalle infernali temperature della cottura quel meraviglioso universo di biodiversità microbica che nella sua infinita generosità ha colonizzato l'impasto del nostro cuore. Io la metto in un barattolo di vetro a tenuta ermetica perché non mi piace che faccia la crosta, e la tengo in frigorifero. C'è chi sostiene che debba “respirare”e che le basse temperature la facciano soffrire. Io c…

Autunno? Crauti!

I cavoli cappucci che ho messo nel mio orto (in ritardo, tanto per cambiare) arrancano falcidiati dai bruchi che si strafogano aspettando di diventare delle belle farfalline gialle (cavolaia). Mentre li guardo sconsolata (ma qualcuna l'ho beccata... ha ha) chiedendomi quando e se potrò fare gli agognati crauti, mi telefona Angela: lo vuoi un bel cavolo cappuccio? Vuoi metà di quello grande o uno piccolo? Voglio tutto quello GRANDE!

Lavato, affettato fine, mescolato con pezzettini di pera e mela e semi di finocchio e cosparso di sale appare così:


La ricetta naturalmente l'ho presa dal libro di Michela Trevisan, Il manuale dei cibi fermentati, mettendo circa 30 gr di sale ogni chilo di verdura (a noi le verdure piacciono croccanti) nella ciotola e non a strati nel vaso sennò perdo il controllo delle quantità di sale. Naturalmente sale integrale di Trapani, con i suoi bei batteri lattici di supporto che può avere solo il sale marino (non per nulla gli scandinavi per salare i loro…

Mutamenti

Un anno fa a settembre mi sono accorta che il mio metabolismo stava cambiando, mi sono accorta che non potevo più permettermi di lasciare che il mio amato pane componesse la parte principale dei miei pasti.
Ho fatto una pausa, ho ignorato il forno che non teneva più bene la temperatura, che ogni tanto non si accendeva, la pasta acida che invecchiava senza rinfreschi, il cambiamento del ritmo delle mie settimane.
Oggi penso ancora che il pane sia qualcosa di prezioso, magico e rivoluzionario, oltre che squisito, ma penso anche che i cereali, come lo zucchero, possano dare dipendenza, che il consumo di glutine vada contenuto e che la scelta migliore sia sempre quella di mangiare i cereali in chicchi, il più possibile integri.
Ogni tanto torno a fare il pane, la pizza e meravigliosi dolci ma, soprattutto, per offrirli a donne meravigliose che accompagnano i miei passi sul sentiero della consapevolezza ciclica femminile, fra cui le mie figlie.
Se sei capitata qui ti ringrazio della visita e t…