Passa ai contenuti principali

Eterno dilemma: meglio lievito di birra o pasta madre?

Avevo poco più di vent'anni ed il mio primo figlio di pochi mesi, quando è nato dentro di me il desiderio di mettere le mani in pasta e panificare!
Ripensandoci dopo vent'anni ricordo che...non mi è mai venuto in mente di panificare con il lievito di birra! Eppure con un bimbo piccolo sarebbe a una strada più semplice...ma qualcosa diceva dentro di me che fare il pane deve essere un rito, non può essere un'azione frettolosa, di poche ore...che la fretta, anche nel fare il pane, è una cattiva consigliera!
Da subito abbiamo quini adottato un pezzo di pasta madre che è rimasta a vivere con noi per qualche anno. Già, quando in casa entra una pasta madre la famiglia si allarga, c'è un altro componente da accudire, sfamare ed abbeverare.
Ma cosa rende il pane con i lievito madre così speciale, verso dove ci vuole condurre quella vocina che dentro di noi ci dice che questo pane è più buono?
Mi ha da sempre affascinato la profonda differenza nutrizionale che esiste tra un pane panificato con il lievito di birra ed uno prodotto con la lievitazione naturale.
Vediamo insieme quali sono le profonde differenze tra questi due tipi di lavorazioni....magari in più puntate vista la complessità dell'argomento e l'estate che speriamo arrivi finalmente!!!!
Partiamo dagli abitanti.
Il lievito madre è una vera e propria metropoli multietnica! Quel semplice impasto di acqua e farina è abitato da migliaia di lieviti e di batteri che convivono pacificamente cibandosi dello zucchero (glucosio) liberato dall'amido della farina grazie alle amilasi (enzimi che tagliuzzano l'amido) presenti nella farina ed attivate dall'arrivo dell'acqua.
Le popolazioni di lieviti e batteri lattici (che producono prevalentemente acido lattico) sono formate da numerosi tipi di lieviti e di batteri diversi e la cosa meravigliosa è che nel tempo questi abitanti cambiano in base alla stagione, in base a come cambia l'ambiente in cui lavoriamo il nostro pane...se ci vengono a trovare ospiti, oppure se l'ambiente è più o meno pulito!
Il lievito di birra si trova in commercio fresco sotto forma di piccoli cubetti da 25g oppure sfuso in pezzi, ma si può comodamente tenere in casa del lievito di birra in piccole palline secche. Il lievito di birra secco lo troviamo sul mercato in due diverse tipologie: uno a grana più piccola che può essere miscelato direttamente con la farina ed un altro con grano un po' più grossi che deve essere riattivato in acqua tiepida con un pochino di zucchero o miele.
Qualsiasi sia la forma il lievito di birra è costituito unicamente da colonie selezionate di Saccaromices cerevisiae un lievito che garantisce uno standard sempre ripetibile di rigonfiamento dell'impasto, di tempi e di sapore...tutto un altro mondo!
Un altro mondo anche perché questo lievito lo dobbiamo acquistare, sosteniamo un'industria che lo produce...la pasta madre ci slega da tutto questo! Abita sempre con noi e quando desideriamo fare il pane basta fare uno scambio: noi le diamo cibo (farina) ed acqua ed in cambio lei ci trasforma l'impasto...eh si, vi racconterò le prossimamente cosa accade nell'impasto! Di come lievito di birra lo faccia solo lievitare mentre la pasta madre riesce a trasformarlo più profondamente!

Commenti

  1. Ciao mi chiamo Andrea,
    Mi piacerebbe conoscere il procedimento per ottenere la pasta madre.
    grazie

    RispondiElimina
  2. su gentile concessione dell'editore (terra nuova edizioni http://www.aamterranuova.it) la trovi a questo indirizzo:http://blog.fermentiselvatici.org/ post dal titolo: ricetta infallibile per una perfetta pasta acida. consiglio comunque di cercare di farsela dare da qualcuno che già la usa per una serie di motivi: ti seguirà nei primi tempi e ti potrà dare molti utili consigli per evitare di mollare dopo i primi tentativi; potrai farti un'idea di come "si muove" una pasta madre "viva"; eviti una lavorazione che può essere entusiasmante ma anche piuttosto noiosa. se comunque vuoi provare, la ricetta è quella e funziona e io sono qui per sostenerti nell'avventura. buon lavoro!

    RispondiElimina
  3. p.s.
    dal tuo sito mi sembra di capire che sei della zona di venezia... per avere la pasta acida in zona puoi andare da bruno moro a preganziol: http://rio-selva.blogspot.com/e chiedergliene un pezzettino. contattalo perche' te la metta da parte prima di legarla, anna (la moglie e custode della pasta acida) la cura come un bambino (o una bambina...). io mi sto organizzando per tenere un laboratorio sul pane all'agriturismo papaveri e papere a santa maria di sala a settembre, http://www.agricoltura.provincia.venezia.it/html/att_agriturismo_aree.asp?IDArea=2&view=dett&IDAgriturismo=98.
    a presto per gli aggiornamenti.

    RispondiElimina
  4. ti ringrazio molto
    ora sono in vacanza, fuori venezia, ma quando torno mi attivo, ancora grazie
    eventualmente la mia mail è a.nardini@libero.it

    Andrea

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come conservare la pasta madre

La domanda è legittima: dopo che un povero cristo è stato per giorni e giorni a rimestare uno strano impasto di acqua, farina, miele e mela in attesa di fantomatiche bollicine, ha assistito incredulo ad inaspettate crescite di volume, all'aumentare incontrollato dell'odore acido, al tanto sperato raddoppio del volume in tempi ragionevoli, ha proceduto fiducioso alla legatura a secco e ad acqua come spiegato qui... ha tutti i diritti di chiedersi, e ora? E ora la pasta madre può essere usata tal quale, non prima però di aver messo da parte un pezzettino grande come un pugno che preserverà dalle infernali temperature della cottura quel meraviglioso universo di biodiversità microbica che nella sua infinita generosità ha colonizzato l'impasto del nostro cuore. Io la metto in un barattolo di vetro a tenuta ermetica perché non mi piace che faccia la crosta, e la tengo in frigorifero. C'è chi sostiene che debba “respirare”e che le basse temperature la facciano soffrire. Io c…

Autunno? Crauti!

I cavoli cappucci che ho messo nel mio orto (in ritardo, tanto per cambiare) arrancano falcidiati dai bruchi che si strafogano aspettando di diventare delle belle farfalline gialle (cavolaia). Mentre li guardo sconsolata (ma qualcuna l'ho beccata... ha ha) chiedendomi quando e se potrò fare gli agognati crauti, mi telefona Angela: lo vuoi un bel cavolo cappuccio? Vuoi metà di quello grande o uno piccolo? Voglio tutto quello GRANDE!

Lavato, affettato fine, mescolato con pezzettini di pera e mela e semi di finocchio e cosparso di sale appare così:


La ricetta naturalmente l'ho presa dal libro di Michela Trevisan, Il manuale dei cibi fermentati, mettendo circa 30 gr di sale ogni chilo di verdura (a noi le verdure piacciono croccanti) nella ciotola e non a strati nel vaso sennò perdo il controllo delle quantità di sale. Naturalmente sale integrale di Trapani, con i suoi bei batteri lattici di supporto che può avere solo il sale marino (non per nulla gli scandinavi per salare i loro…

Mutamenti

Un anno fa a settembre mi sono accorta che il mio metabolismo stava cambiando, mi sono accorta che non potevo più permettermi di lasciare che il mio amato pane componesse la parte principale dei miei pasti.
Ho fatto una pausa, ho ignorato il forno che non teneva più bene la temperatura, che ogni tanto non si accendeva, la pasta acida che invecchiava senza rinfreschi, il cambiamento del ritmo delle mie settimane.
Oggi penso ancora che il pane sia qualcosa di prezioso, magico e rivoluzionario, oltre che squisito, ma penso anche che i cereali, come lo zucchero, possano dare dipendenza, che il consumo di glutine vada contenuto e che la scelta migliore sia sempre quella di mangiare i cereali in chicchi, il più possibile integri.
Ogni tanto torno a fare il pane, la pizza e meravigliosi dolci ma, soprattutto, per offrirli a donne meravigliose che accompagnano i miei passi sul sentiero della consapevolezza ciclica femminile, fra cui le mie figlie.
Se sei capitata qui ti ringrazio della visita e t…