Passa ai contenuti principali

Maratona

La festa di San Michele con la tradizionale gara di torte si avvicinava inesorabile. Le prime settimane dall'inizio della scuola, gli acquisti in cartoleria, l'inizio dei corsi in piscina, la ripresa a pieno ritmo del lavoro e i viaggi nel fine settimana (prima o poi riuscirò a raccontare anche di quelli) non aiutavano l'organizzazione familiare. La grande montagna ignorata della roba da stirare veniva bellamente superata dalla grande montagna puzzolente della roba da lavare. Ma non temete cari lettori, con un colpo di reni ineguagliabile e una nottata in piedi fino alle 3 sono riuscita a rimettere in sesto la casa (diciamo che molto dipende dallo standard di valutazione ma questa è un'altra storia) e a godermi 24 ore di pura, inebriante, straordinaria cucina che mi ha portato a produrre, nell'ordine:
- torta fredda per la partecipazione alla gara di torte di elena e margherita;
- torta africa con ripieno e decorazioni a base di mousse gianduia per la mia partecipazione alla gara di torte;
- torta bakewell alle prugne;
- una pagnotta di due kg (a lievitazione naturale naturalmente);
- due kg di marmellata di prugne.
E con la prima e la seconda abbiamo anche vinto, rispettivamente, il terzo premio per la torta più buona e il secondo premio per la più originale (che aveva anche un secondo piazzamento per la torta più buona a pari merito con anja), non so se mi spiego.
Cosa c'entra tutto questo coi fermenti? Poco, se non per il fatto che mi sembrava di sentire i fermenti, finalmente in ferie, fare il tifo per me, soprattutto quando mi sono trovata ad affrontare uno scoglio duro come la torta bakewell. Diciamo che è stata una bella avventura e mi fa piacere condividerla.

La ricetta l'ho trovata su un libro favoloso che mi ha regalato la mia mammetta lo scorso natale: la mia cucina naturale di Jamie Oliver, TEA Edizioni. Splendide foto, ottimo stile di scrittura, bel mescolamento fra ricette, stile di vita e indicazioni per l'orto; mi piace anche la carta. Fino a ieri non avevo mai azzardato a provare una ricetta ma, quando ho visto l'albero di prugne davanti a casa con ai piedi un tappeto di frutti mi sono detta: guardiamo un po' se quest'inglese mi propone qualcosa di interessante con le prugne. E in effetti a pagina 307 c'è una splendida foto di questa torta bakewell. Incauta mi sono segnata gli ingredienti, sono partita all'acquisto e solo quando era troppo tardi mi sono accorta della fatica bestiale che mi attendeva.

La sequenza dei lavori non è proprio perfetta, volendola riprodurre meglio leggere fino in fondo e riorganizzarsi coi passaggi. Io comincio dalle prugne.


Le ho raccolte da terra (selezionandole accuratamente), lavate e messe al sole (stamattina era una giornata meravigliosa).

Per il dolce ce ne vogliono un kg, dice lui, di cui metà per una specie di marmellata istantanea e il resto per la decorazione. In realtà la quantità per la marmellata era giusta ma il resto è avanzato.

Per la marmellata: si prendono le prugne, si tagliano a metà, si leva il nocciolo, si frullano e si mettono a cuocere con 100 gr di zucchero vanigliato.



Lui non lo dice perché i bravi cuochi dovrebbero saperlo, che non si butta tal quale il frullato di prugne sullo zucchero perché restano i grumi. Io ho risolto con una passata di minipimer.

Naturalmente la sera prima avevo preparato la pasta frolla con la ricetta che magari non è più quella, ma che partì, ricordo, da una persona che mi piace ricordare, Floria, che per me è stata come una zia di quelle che sai che ci sono sempre, e che mi diede la sua collaudata ricetta per la base della pastiera. Non so se la rispetto ancora ma ogni volta che la faccio penso a lei: 125 gr di burro, 80 di zucchero di canna integrale, qualche cucchiaio di latte, 250 gr di farina, un uovo intero e un tuorlo. Prima si mescola il burro ammorbidito con lo zucchero, poi si aggiunge tutto il resto (ma la farina piano piano) e si finisce di lavorare impastando con le mani, possibilmente su un piano di marmo. Minimo un'ora di frigo, meglio una notte.

Il tipo dice, dopo averla stesa nello stampo foderato di carta forno, di metterla in freezer per un'ora. Io non l'ho fatto e forse per quello in cottura i bordi sono collassati e sono venute un po' di bolle (dieci minuti dieci in forno).


Ma torniamo alle prugne che cuociono con lo zucchero vanigliato e mezzo cucchiaino di spezie miste (non so cosa intendesse, io ho messo un miscuglio di cannella, coriandolo e chiodi di garofano).

Quando cominciano ad addensare ci va aggiunto un cucchiaino di farina di mais preventivamente sciolta in un cucchiaio di acqua fredda. Si fa addensare per bene e raffreddare un attimo prima di spalmarlo sulla base di pasta frolla. Quelle che non sono state usate per la marmellata vanno tagliate in quarti e mescolate con un po' di zucchero a velo.


Sopra ci va spalmato un miscuglio fatto di: 280 gr. di mandorle intere sbucciate e tritate al momento (il mio povero macinacaffè se l'è vista brutta...), i semini contenuti in un baccello di vaniglia, 250 gr di burro ammorbidito, 250 gr di zucchero (io ne ho messi circa 100 di zucchero di canna perché per i miei gusti lo zucchero va sempre almeno dimezzato), 3 uova intere.  Lui dice una certa sequenza utilizzando il mixer, io ho mescolato tutto in una terrina a mano partendo dalle mandorle con il burro e lo zucchero.
Il tutto deve stare almeno 30 minuti in frigo prima di poter essere spalmato sulla torta.


Ora si tratta di disporre sopra le prugne e le mandorle in abbondanza (e sono davvero abbondanti).



Il tipo suggerisce di mettere una teglia sotto la torta in cottura per evitare che eventuali tracimazioni creino disastri nel forno ma a me è andato tutto bene. Ecco il risultato dopo un'ora abbondante di cottura.


Ancora non l'ho assaggiata, la tengo per una cena a cui mi hanno inviato domani sera. Aggiungerò di seguito i commenti sul gusto ma a vedersi è strepitosa e con tutta la fatica che si fa per farla deve essere buona per forza.

Commenti

  1. Ottima, davvero strepitosa e raffinata. Diminuirei ulteriormente lo zucchero, direi di un terzo e, in generale, della crema frangipane sopra ne metterei due terzi, forse la metà. Proverò.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come conservare la pasta madre

La domanda è legittima: dopo che un povero cristo è stato per giorni e giorni a rimestare uno strano impasto di acqua, farina, miele e mela in attesa di fantomatiche bollicine, ha assistito incredulo ad inaspettate crescite di volume, all'aumentare incontrollato dell'odore acido, al tanto sperato raddoppio del volume in tempi ragionevoli, ha proceduto fiducioso alla legatura a secco e ad acqua come spiegato qui... ha tutti i diritti di chiedersi, e ora? E ora la pasta madre può essere usata tal quale, non prima però di aver messo da parte un pezzettino grande come un pugno che preserverà dalle infernali temperature della cottura quel meraviglioso universo di biodiversità microbica che nella sua infinita generosità ha colonizzato l'impasto del nostro cuore. Io la metto in un barattolo di vetro a tenuta ermetica perché non mi piace che faccia la crosta, e la tengo in frigorifero. C'è chi sostiene che debba “respirare”e che le basse temperature la facciano soffrire. Io c…

Mutamenti

Un anno fa a settembre mi sono accorta che il mio metabolismo stava cambiando, mi sono accorta che non potevo più permettermi di lasciare che il mio amato pane componesse la parte principale dei miei pasti.
Ho fatto una pausa, ho ignorato il forno che non teneva più bene la temperatura, che ogni tanto non si accendeva, la pasta acida che invecchiava senza rinfreschi, il cambiamento del ritmo delle mie settimane.
Oggi penso ancora che il pane sia qualcosa di prezioso, magico e rivoluzionario, oltre che squisito, ma penso anche che i cereali, come lo zucchero, possano dare dipendenza, che il consumo di glutine vada contenuto e che la scelta migliore sia sempre quella di mangiare i cereali in chicchi, il più possibile integri.
Ogni tanto torno a fare il pane, la pizza e meravigliosi dolci ma, soprattutto, per offrirli a donne meravigliose che accompagnano i miei passi sul sentiero della consapevolezza ciclica femminile, fra cui le mie figlie.
Se sei capitata qui ti ringrazio della visita e t…

Autunno? Crauti!

I cavoli cappucci che ho messo nel mio orto (in ritardo, tanto per cambiare) arrancano falcidiati dai bruchi che si strafogano aspettando di diventare delle belle farfalline gialle (cavolaia). Mentre li guardo sconsolata (ma qualcuna l'ho beccata... ha ha) chiedendomi quando e se potrò fare gli agognati crauti, mi telefona Angela: lo vuoi un bel cavolo cappuccio? Vuoi metà di quello grande o uno piccolo? Voglio tutto quello GRANDE!

Lavato, affettato fine, mescolato con pezzettini di pera e mela e semi di finocchio e cosparso di sale appare così:


La ricetta naturalmente l'ho presa dal libro di Michela Trevisan, Il manuale dei cibi fermentati, mettendo circa 30 gr di sale ogni chilo di verdura (a noi le verdure piacciono croccanti) nella ciotola e non a strati nel vaso sennò perdo il controllo delle quantità di sale. Naturalmente sale integrale di Trapani, con i suoi bei batteri lattici di supporto che può avere solo il sale marino (non per nulla gli scandinavi per salare i loro…