Passa ai contenuti principali

panettone sincronico


Con Franco qualche tempo fa ci siamo detti: e se organizzassimo un laboratorio sul panettone sotto Natale? Poi siamo stati travolti dagli eventi però a me solo a pensare al sapore del panettone fatto in casa con la pasta madre mi viene l'acquolina in bocca e così abbiamo pensato: proviamo a farlo in contemporanea? Così ci sosteniamo a vicenda e vediamo come va a finire?

In sintesi i passaggi sono i seguenti:
1) legatura della pasta, necessarie 24 ore;
2) secondo impasto e attesa di tre ore (almeno);
3) terzo impasto e attesa di due ore (almeno);
4) ultimo impasto e attesa di sei ore (almeno);
5) cottura (i soliti 40 minuti circa).

Le possibilità sono due:
A - se si fa durante la settimana cominciare la sera, e quindi la sera successiva (tipo di venerdì dalle 17) cominciare con i punti 2 e 3, per finire intorno alle 23, fare l'ultimo impasto, andare a nanna e vedere la mattina cosa è successo nel frattempo;
B - se si fa nel fine settimana cominciare il sabato mattina o la domenica mattina per infornare la sera (naturalmente facendo la legatura la mattina precedente).

Le votazioni sono aperte sia sulle opzioni A o B che sulla data papabile. Per me i fine settimana da qui a Natale sono piuttosto affogati ma mi posso organizzare, per il panettone ne vale la pena, comunque uno vale l'altro. Durante la settimana non posso assolutamente di lunedì e di martedì, ho qualche difficoltà anche sul mercoledì ma ce la posso fare. Le votazioni si chiuderanno improrogabilmente domenica 4 dicembre alle ore 21. Si vota scrivendo alla lista fermentiamo@yahoogroups.com o, in caso di difficoltà, all'indirizzo alisadl at libero.it.

La condivisione passerà attraverso la lista fermentiamo at yahoogroups.com (http://it.groups.yahoo.com/group/fermentiamo/) tramite fotografie e racconti sull'andamento delle varie lievitazioni; esiste il social network, il social video, costruiamo un social panettone, è arrivato il suo momento!

Anche l'impasto non sta più nella legatura...




Commenti

  1. bella idea...anche se non ho capito proprio bene come posso partecipare!

    RispondiElimina
  2. ti iscrivi alla lista di discussione all'indirizzo http://it.groups.yahoo.com/group/fermentiamo/ così sarai informato sul giorno e le ore di lavorazione che stiamo scegliendo insieme. dopodiché fotografi via via l'andamento delle lievitazioni e li condividi sulla lista (inviandoli via posta elettronica) in tempo reale così vediamo gli impasti di ognun* come vanno e ci sosteniamo a vicenda in questa opera improba e improbabile :-)

    RispondiElimina
  3. grazie per l'entusiasmo e il sostegno. nel frattempo ho un po' riflettuto sulla cosa, ho riguardato un po' di messaggi ricevuti nel tempo, mi sono andata a riguardare la ricetta delle sorelle simili (http://www.anobii.com/books/Pane_e_roba_dolce/9788882118167/01d9c117b21923186f/#) e sono arrivata a questa conclusione:
    quando scrissi il libro partii dalla ricetta delle sorelle simili ma la semplificai perché dopo una serie di prove ebbi modo di verificare che si poteva fare con meno passaggi e anche senza usare solo farine di forza. però poi i lettori hanno avuto difficoltà quindi tenterei una versione intermedia:
    - legatura della pasta di 10-12 ore;
    - secondo impasto e attesa di tre ore;
    - terzo impasto e attesa di tre ore;
    - quarto impasto con prima aggiunta di ingredienti "pesanti" (burro, uova e zucchero) e attesa di 10-12 ore;
    - ultimo impasto, aggiunta degli ultimi ingredienti pesanti e attesa di 4-6 ore.

    propongo di cominciare la mattina presto (tipo alle 6) e si lega la pasta, poi alle 16 si fa il secondo impasto, alle 19 si fa il terzo e alle 22 il quarto. si lascia tutto lì, la mattina dopo si rimpasta con gli altri ingredienti e si aspetta la lievitazione vigilando che non vada troppo oltre.

    chi non può legare la mattina presto può farlo la sera prima e mettere in frigo il tutto fino alla mattina successiva.

    il primo giorno può essere un giorno di lavoro, se tornate presto dal lavoro, mentre il secondo proprio no, a meno che non andiate a lavorare nel pomeriggio.

    scegliete voi se usare farine di forza o meno, io userò per metà una farina tipo 0 non particolarmente forte e per metà manitoba.

    per me i giorni papabili sono 7, 8, 9 o 10 dicembre (iniziando un giorno qualunque fra il 7 e il 9) oppure iniziando il 17 e finendo il 18 mattina.

    scusate se vi ho rimescolato le carte in tavola ma gli ingredienti costano e il lavoro e il tempo hanno un valore e mi sento responsabile di cercare di garantirvi il miglior risultato possibile.

    aspetto notizie,

    annalisa

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come conservare la pasta madre

La domanda è legittima: dopo che un povero cristo è stato per giorni e giorni a rimestare uno strano impasto di acqua, farina, miele e mela in attesa di fantomatiche bollicine, ha assistito incredulo ad inaspettate crescite di volume, all'aumentare incontrollato dell'odore acido, al tanto sperato raddoppio del volume in tempi ragionevoli, ha proceduto fiducioso alla legatura a secco e ad acqua come spiegato qui... ha tutti i diritti di chiedersi, e ora? E ora la pasta madre può essere usata tal quale, non prima però di aver messo da parte un pezzettino grande come un pugno che preserverà dalle infernali temperature della cottura quel meraviglioso universo di biodiversità microbica che nella sua infinita generosità ha colonizzato l'impasto del nostro cuore. Io la metto in un barattolo di vetro a tenuta ermetica perché non mi piace che faccia la crosta, e la tengo in frigorifero. C'è chi sostiene che debba “respirare”e che le basse temperature la facciano soffrire. Io c…

Mutamenti

Un anno fa a settembre mi sono accorta che il mio metabolismo stava cambiando, mi sono accorta che non potevo più permettermi di lasciare che il mio amato pane componesse la parte principale dei miei pasti.
Ho fatto una pausa, ho ignorato il forno che non teneva più bene la temperatura, che ogni tanto non si accendeva, la pasta acida che invecchiava senza rinfreschi, il cambiamento del ritmo delle mie settimane.
Oggi penso ancora che il pane sia qualcosa di prezioso, magico e rivoluzionario, oltre che squisito, ma penso anche che i cereali, come lo zucchero, possano dare dipendenza, che il consumo di glutine vada contenuto e che la scelta migliore sia sempre quella di mangiare i cereali in chicchi, il più possibile integri.
Ogni tanto torno a fare il pane, la pizza e meravigliosi dolci ma, soprattutto, per offrirli a donne meravigliose che accompagnano i miei passi sul sentiero della consapevolezza ciclica femminile, fra cui le mie figlie.
Se sei capitata qui ti ringrazio della visita e t…

Autunno? Crauti!

I cavoli cappucci che ho messo nel mio orto (in ritardo, tanto per cambiare) arrancano falcidiati dai bruchi che si strafogano aspettando di diventare delle belle farfalline gialle (cavolaia). Mentre li guardo sconsolata (ma qualcuna l'ho beccata... ha ha) chiedendomi quando e se potrò fare gli agognati crauti, mi telefona Angela: lo vuoi un bel cavolo cappuccio? Vuoi metà di quello grande o uno piccolo? Voglio tutto quello GRANDE!

Lavato, affettato fine, mescolato con pezzettini di pera e mela e semi di finocchio e cosparso di sale appare così:


La ricetta naturalmente l'ho presa dal libro di Michela Trevisan, Il manuale dei cibi fermentati, mettendo circa 30 gr di sale ogni chilo di verdura (a noi le verdure piacciono croccanti) nella ciotola e non a strati nel vaso sennò perdo il controllo delle quantità di sale. Naturalmente sale integrale di Trapani, con i suoi bei batteri lattici di supporto che può avere solo il sale marino (non per nulla gli scandinavi per salare i loro…